Fusoliere in "struttura di Espanso"

Pubblicato il da solaero

Fusoliere in "STRUTTURA di espanso"
Ovvero come costruire "tradizionalmente" ad un costo "10 volte" inferiore.


 

Si tratta semplicemente di costruire le strutture in maniera molto simile a come si fa con il legno tenendo conto ovviamente di spessori maggiorati e rivestimenti lavoranti (scotch, carta o fibra) per ottenere la stessa robustezza.

 

Quello che presento è il mio primo tentativo e in quanto tale evidenzia tutti i difetti possibili però sicuramente è un modo di costruire affascinante e che intendo perfezionare e riutilizzare in futuro per altri modelli.

 

Anziché usare la vista laterale per ottenere le dime in compensato e tagliare un blocco, l'ho usata per tagliare due pannelli di depron da 3mm con deriva inclusa (ma escludendo il muso che verrà realizzato da blocco "scolpito" e carteggiato per non complicarmi troppo la vita in questa prima esperienza).



 

Su queste "basi" ho poi incollato le semi-ordinate realizzate con depron da 6mm (quelle che costituiscono il cono di coda) ed estruso "affettato" a circa 6mm di spessore (quelle della parte cilindrica) già svuotate.









 

Una volta tolti gli spilli ad incollaggio avvenuto, per quanto riguarda la parte cilindrica della fusoliera ho semplicemente preso un pannello di depron da 6mm, l'ho rivestito di scotch marrone da pacchi affinché non si spezzasse, e gli ho dato la forma arrotolandolo brutalmente sul matterello da cucina sottratto a mia moglie approfittando di un momento di distrazione  

Dopodiché è stato incollato, tenuto in posizione con righelli metallici e caricato in modo che sposasse al meglio la forma delle ordinate.

 




Per quanto riguarda il cono posteriore invece, ho tagliato tanti listellini di depron da 6mm che ho cercato di incollare fianco a fianco come il fasciame di una barca. Mi sono accorto che il depron da 6mm è piuttosto difficile da piegare e lavorare in queste dimensioni e sicuramente la prossima volta disegnerò le semi-ordinate per un rivestimento di 3mm oppure farò 2 strati di rivestimento da 3mm.

 

In ogni caso la seconda semifusoliera è già venuta meglio (segno che la tecnica è relativamente facile da acquisire) e la colla poliuretanica (usata per tutti gli incollaggi) fa miracoli quanto a rigonfiamento e quindi tutte le fessure sono risultate belle riempite.



 

A questo punto una bella "scartavetrata" con il tampone per eliminare tutti gli "scalini" e per ottenere la forma tondeggiante (sia chiaro, io non mi sono accanito più di tanto per un' estetica perfetta ma i perfezionisti hanno pane per i loro denti...).

 

Devo dire che la rigidità ottenuta mi ha davvero stupito.

 

Ho poi praticato gli scassi anche sulle "basi" in depron da 3mm che reggono le ordinate (sempre alla ricerca del grammo dove è facile) con un saldatore elettrico, inserito la guaina per il comando del cabra ed infine assemblato le due semifusoliere.

 








Dopo aver fatto un blocco con alcuni spezzoni di estruso, l'ho incollato provvisoriamente con un punto di colla alla fusoliera fin qui realizzata e ho inserito il tutto dentro ad una "scatola" realizzata con le 4 dime in compensato (fatte per un'altra fusoliera in espanso pieno di questo modello) per ricavare con l'archetto la sede dell'ala e la sagoma del muso che poi ho portato alla forma desiderata col tampone.

 



Infine ho staccato di nuovo il muso, vi ho ricavato la sede e l'accesso per le batterie, vi ho inserito una prolunga per l'alimentazione della radio e poi ho incollato il tutto con la giusta quantità di colla. Quando asciutto ancora una passata di tampone per regolarizzare la giunzione ed ecco la fuso pronta per la
ricopertura con la carta o con Nastro Tramato. Peso 175gr per 110cm di lunghezza e 12 cm di diametro nella parte cilindrica.

 

 

 





Nota bene:

 

Le tecniche sopra descritte, pur essendo ampiamente collaudate dalla disciplina dello SLOPE-COMBAT e da me stesso, devono essere verificate e collaudate da ogni singolo modellista che ne faccia uso al fine di mantenere sempre gli adeguati parametri di sicurezza in funzione delle proprie esigenze (volo dolce - acro spinta...) e capacità di pilotaggio.

 

!!!  NON POSSO QUINDI ESSERE RITENUTO RESPONSABILE DELLE ALTRUI IRRESPONSABILITA'  !!!

Con tag AERO - tecniche

Commenta il post